Testo e traduzione di ‘hell revenge’

Nel secondo atto dell'opera "Die Zauberflöte" ("Il flauto magico") di Wolfgang Amadeus Mozart, la Regina della Notte scende nella stanza della figlia nel palazzo del padre. La regina vorrebbe vedere morto suo marito Sarastro. Chiede a sua figlia, Pamina, di portare a termine questo compito. Dà a Pamina un pugnale e le dice che se non uccide Sarastro, la rinnegherà per la vita.

Ascolto consigliato

Ci sono molte ottime esibizioni di "Der Hölle Rache" su YouTube, ma ce ne sono alcune che si distinguono:

  • Diana Damrau: Questa è forse la più grande interpretazione di questo ruolo iconico e, davvero, l'unica performance che conta davvero. Il canto impeccabile e l'incredibile recitazione di Diana Damrau dipingono la regina nella sua forma più vera: il male. 
  • Natalie Dessay: Sebbene la recitazione di Dessay lasci molto a desiderare, la sua voce impeccabile, agile e senza sforzo, brilla brillantemente in quest'aria. La mia unica lamentela è che lo esegue troppo dolcemente. 
  • Edda Moser: Nonostante la sua produzione video su schermo verde "high-tech", la potente e drammatica voce coloratura di Edda Moser incarna la Regina della Notte più di quella di Natalie Dessay. Il repertorio musicale di Moser era vasto, ma il suo ruolo di Regina in "Die Zauberflöte" di Mozart ha ricevuto molti consensi. In effetti, la sua esecuzione di quest'aria è stata inclusa nel Voyager I Golden Record della NASA.

testo "the hell revenge" in tedesco

La vendetta dell'inferno ribolle nel mio cuore,
Morte e disperazione divampano intorno a me!
Non sentire Sarastro attraverso di te
Dolore alla morte,
Quindi non sei mai più mia figlia.
Essere ripudiato per sempre,
Essere abbandonato per sempre
Essere distrutto per sempre
Tutti i legami della natura
Se non da te!
Sarastro impallidirà!
Hört, Rachegöter,
Ascolta il giuramento della madre!

traduzione inglese

La vendetta dell'inferno ribolle nel mio cuore,
Morte e disperazione ardono su di me!
Se Sarastro non passa ti senti
Il dolore della morte
Allora non sarai più mia figlia.
Che tu possa essere rinnegato per sempre,
Che tu sia abbandonato per sempre,
Distrutto per sempre
Tutti i legami della natura,
Se non attraverso te
Sarastro impallidisce! (come morte)
Ascolta, Dei della Vendetta,
Ascolta il giuramento di una madre!

Storia del "flauto magico"

L'opera di Mozart fu rappresentata per la prima volta il 30 settembre 1791 al Freihaus-Theater auf der Wieden di Vienna. Il teatro era occupato dalla compagnia di recitazione dell'amico di Mozart, Emanuel Schikaneder. Schikaneder ha scritto il libretto per l'opera e ha anche recitato nell'opera come Papageno. 

Durante la composizione dell'opera, Mozart ha considerato abilmente il suo cast e ha scritto le parti vocali secondo la propria esperienza vocale. Alcune parti vocali vengono suonate per prime all'interno dell'orchestra in modo che il cantante sappia quale tono cantare, mentre altre (come la Regina della notte) sono incredibilmente difficili da cantare. La cognata di Mozart, Josepha Hofer, si è esibita come la regina della notte, quindi Mozart deve essere rimasta colpita dalla sua abilità vocale. Questo, o la disprezzava, dato che le arie della regina sono tra le più difficili da cantare nell'intero campo operistico. 

Dopo le prime rappresentazioni dell'opera, era chiaro che "The Magic Flute" era un successo assoluto. Nel novembre dell'anno successivo, l'opera stava già eseguendo il suo centesimo spettacolo.