Tempo comune nella notazione musicale

Il tempo comune è un altro modo di annotare e fare riferimento all'indicazione del tempo in 4/4, che indica che ci sono quattro battute di note da un quarto per misura. Può essere scritto nella sua forma frazionaria di 4/4 o con un semicerchio a forma di C. Se questo simbolo ha una barratura verticale, è noto come "tagliare il tempo comune".

Come funzionano i tempi in chiave

Nella notazione musicale, l'indicazione del tempo è posta all'inizio del pentagramma dopo la chiave e l'indicazione di chiave. L'indicazione del tempo indica quante battute ci sono in ogni misura e qual è il valore della battuta. L'indicazione del tempo viene generalmente visualizzata come un numero frazionario - il tempo comune è una delle eccezioni - dove il numero superiore indica il numero di battiti per misura e il numero inferiore indica il valore del battito. Ad esempio, 4/4 significa quattro di un battito. I quattro inferiori simbolizzano il valore di una nota da un quarto. Quindi ci saranno quattro movimenti di note da un quarto per misura. Tuttavia, se il tempo in chiave fosse 6/4, ci sarebbero sei note da un quarto per misura. 

Notazione mensurale e origini del valore ritmico

La notazione mensurale è stata utilizzata nella notazione musicale dalla fine del XIII secolo al 13 circa. Deriva dalla parola mensurata che significa "musica misurata" ed è stata utilizzata per portare definizioni in un sistema numerico che potesse aiutare i musicisti, principalmente i cantanti, a definire le proporzioni tra annotare i valori. Durante il suo sviluppo nel corso dei secoli, diversi metodi di notazione mensurale sono emersi dalla Francia e dall'Italia, ma alla fine il sistema francese è stato sistematicamente accettato in tutta Europa. Questo sistema ha introdotto modi per dare alle note valori di unità e se una nota sarebbe stata letta come ternaria, che era considerata "perfetta", o binaria, che era considerata "imperfetta". Non c'erano stanghette usate in questo tipo di notazione, quindi le indicazioni di tempo non erano ancora rilevanti per la lettura della musica.

Sviluppo del simbolo del tempo comune

Quando veniva usata la notazione mensurale, c'erano simboli che indicavano se i valori unitari delle note erano perfetti o imperfetti. Il concetto ha radici nella filosofia religiosa. Un cerchio completo indicava un tempus perfectum (tempo perfetto) perché un cerchio era un simbolo di completezza, mentre un cerchio incompleto che assomigliava alla lettera "c" indicava tempus imperfectum (tempo imperfetto). Alla fine, questo ha portato il metro triplo a essere rappresentato dal cerchio, mentre il tempo imperfetto, un tipo di metro quadruplo, è stato scritto utilizzando un cerchio "imperfetto" incompleto.

Oggi, il simbolo del tempo comune rappresenta il tempo duplice più semplice nella notazione musicale - e forse il più usato con i musicisti pop - che è l'indicazione di tempo 4/4 menzionata in precedenza.

Risorse e ulteriori letture

Fox, Dan. Scrivilo bene! Alfred Music, 1995.