Telecinesi: sei una persona con poteri psicocinetici?

La psicocinesi (PK), a volte indicata come telecinesi o mente sulla materia, è la capacità di muovere le cose o influenzare in altro modo la proprietà delle cose con il potere della mente. Tra le capacità psichiche, la vera psicocinesi è una delle più rare. Pochi sono stati in grado di dimostrare questa capacità e anche quelle dimostrazioni sono fortemente contestate dagli scettici. Le persone hanno poteri psicocinetici? Fai? C'è un modo per testare e sviluppare le tue abilità PK?

Casi di studio psicocinetici

Diverse persone hanno dimostrato notevoli capacità PK:

Nina Kulagina: Uno dei sensitivi più celebrati e scrutati per rivendicare poteri psicocinetici, Nina Kulagina era una donna russa che ha scoperto le sue abilità mentre tentava di sviluppare altri poteri psichici. Secondo quanto riferito, ha dimostrato i suoi poteri spostando mentalmente una vasta gamma di oggetti non magnetici, tra cui fiammiferi, pane, grandi ciotole di cristallo, pendoli dell'orologio, un tubo per sigari e una saliera, tra le altre cose. Alcune di queste dimostrazioni sono state registrate su pellicola. Gli scettici sostengono che le sue capacità non avrebbero resistito ai test scientifici e che Kulagina non era altro che un mago intelligente.

Stanislawa Tomczyk: Nata in Polonia, Tomczyk è stata attirata dagli investigatori quando è stato riferito che intorno a lei si è verificata spontanea un'attività simile a quella del poltergeist. Poteva controllare alcune imprese telecinetiche, ma solo sotto ipnosi. In questo stato ipnotico, Tomczyk assumeva una personalità che si chiamava "Piccola Stasia" e Tomczyk poteva far levitare piccoli oggetti quando metteva le mani su entrambi i lati.

All'inizio del 1900, un investigatore, Julien Ochorowicz, osservò queste levitazioni da una distanza molto ravvicinata e osservò qualcosa di simile a fili sottili che emanavano dai suoi palmi e dalle sue dita, sebbene fossero stati esaminati attentamente prima dell'esperimento. Non sembrava essere un trucco. "Quando il medium separa le sue mani", osserva Ochorowicz, "il filo si assottiglia e scompare; dà la stessa sensazione di una tela di ragno. Se viene tagliato con le forbici, la sua continuità viene immediatamente ripristinata". Nel 1910, Tomczyk fu testato da un gruppo di scienziati presso il Laboratorio di Fisica di Varsavia, dove produsse notevoli fenomeni fisici in condizioni di prova rigorose.

Uri Geller: Geller è uno dei più noti "sensitivi" che ha dimostrato pubblicamente prodezze di psicocinesi: cucchiaio e piegare le chiavi sono diventati quasi sinonimo del nome di Geller. Sebbene molti scettici e maghi considerino le sue esibizioni di piegatura del metallo nient'altro che abili giochi di prestigio, Geller ha presumibilmente dimostrato di poter manifestare gli effetti su grandi distanze e in più luoghi. In un programma radiofonico britannico nel 1973, dopo aver dimostrato la flessione chiave con lo stupore del conduttore, Geller ha invitato il pubblico in ascolto a partecipare. Pochi minuti dopo, le telefonate iniziarono a riversarsi nella stazione radio da ascoltatori di tutto il Regno Unito che riferivano che coltelli, forchette, cucchiai, chiavi e chiodi cominciavano a piegarsi e torcersi spontaneamente. Orologi e orologi che non funzionavano da anni iniziarono a funzionare. È stato un evento il cui successo ha sorpreso anche Geller e lo ha portato sotto i riflettori.

Alcuni maghi sono stati in grado di riprodurre alcuni di questi effetti, ma potrebbe esserci legittimità in questo fenomeno telecinetico. Nell'aprile 2001, il professore di parapsicologia dell'Università dell'Arizona Gary Schwartz condusse una "festa per piegare i cucchiai" in cui circa 60 studenti furono in grado di piegare cucchiai e forchette, con vari gradi di successo, apparentemente con il potere delle loro menti.

Attività di Poltergeist

Alcuni ricercatori sostengono che la forma più comune di psicocinesi è quella che non è intenzionalmente intenzionata. L'attività di poltergeist, suggeriscono, potrebbe essere causata inconsciamente da stress, disordini emotivi o persino picchi ormonali. Senza uno sforzo cosciente, le persone possono far volare i piatti di porcellana dagli scaffali, rompere gli oggetti e emanare forti rumori dalle pareti delle loro case, tra gli altri effetti.

Allo stesso modo, PK potrebbe anche essere responsabile di fenomeni sperimentati durante le sedute spiritiche. Il ribaltamento del tavolo, i colpi e la levitazione potrebbero non essere causati dal contatto con gli spiriti, ma dalle menti dei partecipanti. E, sì, molte sedute spiritiche hanno dimostrato di essere bufale, sebbene i fenomeni paranormali documentati in alcuni rimangano inspiegabili.

Come funziona la psicocinesi?

Il modo in cui funziona la psicocinesi è sconosciuto per certo, ma molti parapsicologi pensano che sia una dimostrazione dell'influenza del cervello di una persona sul mondo fisico.

Robert L. Shacklett, nel blog Speculations about PK, scrive che i test di laboratorio dimostrano che "il rilascio di quantità relativamente grandi di energia fisica può essere innescato dal potere del pensiero". E questo potere può muovere o influenzare le cose, essenzialmente, perché cosmologicamente siamo tutti collegati a tutto il resto. "Il 'pensiero' ha luogo a un livello diverso da quello fisico (chiamiamolo 'mente') ma interagisce con il fisico attraverso un debole accoppiamento tra l'energia fisica e una forma di energia più sottile", scrive. "Il livello fisico opera in conformità con la legge naturale tranne nei momenti in cui il pensiero interagisce con esso."

Come resta il puzzle. Ma ci sono teorie:

  • Alcuni ricercatori sospettano che possa esserci una connessione quantistica. Effetti imprevedibili e spesso bizzarri sono stati documentati nel mondo delle particelle subatomiche, che è governato dalle leggi sconcertanti della meccanica quantistica. Le nostre menti sono in grado di dirigere le particelle e le energie subatomiche in un modo che si traduce in fenomeni PK?
  • Un'altra teoria è che la psicocinesi sia la manipolazione di una sorta di "campo magnetico" umano attorno al corpo, che può essere concentrato in un'area specifica. Perché funzioni, devi essere in grado di rilassarti completamente e concentrare la tua attenzione senza distrazioni.
  • Un'altra ipotesi è che i medium oi partecipanti alle sedute spiritiche siano in grado di unire il suono o le onde di calore all'interno di una stanza per formare un'energia coerente che può quindi essere diretta verso un oggetto, come un tavolo, facendolo muovere.

Sebbene il "come" di PK rimanga sconosciuto, la ricerca e la sperimentazione su questo affascinante fenomeno continuano in laboratori rispettati in tutto il mondo.

Sviluppare e testare i poteri psicocinetici

Quante persone hanno poteri di telecinesi?

"Tutti hanno il potenziale per essere telecinetici", afferma Deja Allison di Telekinesis su Crystalinks. "La telecinesi è creata da livelli più alti di coscienza. Non può essere creata 'desiderando che accada' a livello fisico. L'energia per muovere o piegare un oggetto è creata dai pensieri di una persona creati dal suo subconscio."

Mario Varvoglis, l'autore di "PSI Explorer", suggerisce che il modo migliore per iniziare a testare i poteri psicocinetici non è cercare di spostare un tavolo o anche una scatola di fiammiferi. Varvoglis dice che è molto meglio vedere se puoi influenzare il movimento a livello microscopico: micro-PK. Micro-PK è stato testato per anni con dispositivi come i generatori di numeri casuali, in cui il soggetto cerca di influenzare l'esito casuale della macchina in un modo molto più grande del caso. Alcuni dei test più interessanti di questo tipo sono stati condotti presso il laboratorio PEAR (Princeton Engineering Anomalies Laboratory) dell'Università di Princeton, ei risultati mostrano che alcune persone possono davvero influenzare i generatori di numeri casuali computerizzati con il potere delle loro menti.

Spirit Online offre diversi metodi per migliorare la tua PK:

  1. Medita ogni giorno per mezz'ora (o finché puoi).
  2. Prova PK almeno una volta al giorno. Concediti 30-60 minuti buoni per provarlo.
  3. Concentrati su un metodo per almeno una settimana; se non mostra risultati, cambiare metodo.
  4. Essere a proprio agio; invece di prenderlo troppo sul serio, pensalo come un esperimento, un gioco. Se ti sforzi troppo, finirai per frustrarti e non arriverai da nessuna parte.
  5. Non arrenderti