Stazioni sciistiche statunitensi senza snowboard consentito

All'inizio degli anni '1980, gli snowboard iniziarono ad apparire con crescente regolarità sulle piste degli Stati Uniti. All'inizio, i resort non erano sicuri di come affrontare il nuovo sport. Alcuni hanno richiesto ai ciclisti di superare un test per dimostrare che erano in grado di condividere le piste in sicurezza con gli sciatori. Altri hanno istituito divieti definitivi sugli snowboard. Tuttavia, altri hanno fatto ricorso alla segregazione limitando gli snowboard a zone specifiche della collina. Quando lo snowboard è diventato più diffuso, i test, i divieti e le politiche di segregazione sono caduti nel dimenticatoio, con poche eccezioni.

All'inizio della stagione 2017-2018, solo tre resort hanno continuato a vietare lo snowboard a titolo definitivo: Mad River Glen nel Vermont, Alta nello Utah e Deer Valley Resort, sempre nello Utah. 

Ultimi sviluppi

Nel dicembre del 2007, Burton Snowboards ha annunciato un concorso progettato per sfidare lo status quo, promettendo $ 5,000 al creatore del miglior video che documenta gli snowboarder che "braccano" le piste di ciascuna delle quattro località che hanno continuato a vietare lo snowboard. La reazione al concorso è stata mista, con alcuni nel settore che hanno applaudito la sfida in faccia ai divieti, mentre altri hanno rimproverato Burton per quello che hanno visto come un comportamento irresponsabile da parte di una società. Tuttavia, a pochi giorni dall'annuncio della gara da parte di Burton, la Taos Ski Valley nel New Mexico ha dichiarato che avrebbe revocato il divieto di fare snowboard la primavera successiva. 

Perché i resort hanno deciso di non consentire lo snowboard

Quando gli snowboarder iniziarono a scendere sulle piste, le scuole di sci della località avevano pochi o nessun istruttore di snowboard, quindi i ciclisti erano in gran parte autodidatti. La maggior parte dei motociclisti era giovane, indossava abiti larghi che non assomigliavano affatto a vestiti da sci e spesso erano visti come un cattivo atteggiamento. I resort avevano un argomento valido all'epoca, etichettando il divieto dello snowboard come una politica basata sulla sicurezza. Con l'avvento dell'istruzione organizzata di snowboard, la creazione dell'American Association of Snowboard Instructors e l'inclusione nel 1998 dello snowboard come sport olimpico, questi argomenti non sono più applicabili. Le tre località che continuano a vietare lo snowboard rendono difficile, se non impossibile, per le famiglie composte da sciatori e snowboarder trascorrere del tempo insieme sulle piste.

Pro a vietare lo snowboard

Il ragionamento alla base del divieto di Mad River Glen è più facile da capire rispetto a quelli dietro il divieto continuo di snowboard di Alta e Deer Valley.

Mad River Glen è un eccentrico resort in stile retrò nel cuore delle Green Mountains nel Vermont. L'accesso alla vetta, ancora oggi, è garantito solo tramite un'unica sedia che, fino a essere sostituita da una nuova poltrona unica nel 2007, funzionava originariamente, invariata, dagli anni Quaranta. Sulla base di questa limitazione, il resort afferma che gli snowboarder non potrebbero uscire senza causare problemi alla sedia. Un tempo, agli snowboarder era consentito l'uso degli altri impianti di risalita del resort, ma questa politica ha causato attriti tra i riders e la direzione. A seguito di una serie di leggendari scontri tra gli snowboarder e la proprietaria Betsy Pratt, lo snowboard è stato bandito a titolo definitivo.

Le ragioni dietro i divieti ad Alta e Deer Valley sono più sospette. Deer Valley è conosciuta come il resort più elegante e lussuoso degli Stati Uniti, al servizio di una clientela che richiede la migliore esperienza possibile in assoluto. La direzione afferma che i suoi ospiti semplicemente non vogliono condividere le piste con gli snowboarder, che considerano poco sofisticati, pericolosi e irrispettosi. Alta, d'altra parte, è conosciuta come una montagna per sciatori hardcore e si propone come la montagna per sciatori più dura dell'ovest. Sia per Alta che per Deer Valley, il divieto di snowboard si basa più sul marketing che su qualsiasi altra cosa.

Contro per vietare lo snowboard

Lo snowboard non è più lo sport ribelle e canaglia che minaccia il futuro dei bambini della nostra nazione come un tempo veniva descritto. Secondo un sondaggio del 2004 di Leisure Trends Group, una società di ricerca di Boulder, in Colorado, il numero di snowboarder di età superiore ai 35 anni è aumentato del 51% a quasi 1.1 milioni, rispetto ai 724,000 del 1997. È più probabile che gli snowboarder appaiano su Madison Avenue di Skid Row in questi giorni, con Jake Burton e Shaun White che vendono prodotti per American Express e Hewlett Packard. Il tempo ha dimostrato che lo sport non è più o meno pericoloso dello sci. Molti sciatori ora dividono il loro tempo tra sci e snowboard, a meno che non siano ospiti in uno dei tre resort del passato evidenziati in questo articolo. Inoltre, molte famiglie ora sono composte sia da sciatori che da snowboard, il che elimina automaticamente queste località quando le famiglie decidono dove spendere i loro soldi.

Dove sta

Nonostante la decisione di Taos di revocare il divieto di praticare lo snowboard, le altre tre località non mostrano segni di seguire l'esempio. I dirigenti di Alta e Deer Valley continuano ad aggrapparsi al loro arcaico angolo di marketing, mentre Mad River Glen, che è di proprietà di una cooperativa di azionisti, sembra che manterrà una salda presa sul suo titolo di operazione più enigmatica negli Stati Uniti. L'azionista di Mad River Jim Tynan afferma: “La nostra sedia singola, la proprietà cooperativa, lo sci sulla neve naturale, l'atmosfera non commerciale e la politica per soli sciatori sono ciò che rende speciale Mad River Glen. Non vogliamo finire per essere come ogni altra area sciistica ". 

Questi tre resort continuano a fungere da rifugio sicuro per il set anti-snowboarder. La guerra tra sciatori e snowboarder è stata giustamente soppressa anni fa e il promemoria è stato inviato in lungo e in largo. È ora che Mad River Glen, Alta e Deer Valley aprano gli occhi e leggano quel promemoria. Fateci entrare, ragazzi. Fateci entrare!