Qual è il significato del figlio di lady gaga “alejandro”?

"Alejandro" è il terzo singolo rilasciato dall'EP "The Fame Monster" di Lady Gaga, ed è un mix musicale di ritmi synth-pop e in stile latino. Il significato della canzone è multistrato. Il regista del video, il fotografo di moda Steven Klein, ha detto a MTV di considerarlo un racconto su "Il dolore di vivere senza il tuo vero amore". Gaga, che ha co-scritto la canzone con il suo produttore RedOne mentre era ad Amsterdam e Ibiza nell'estate del 2009, dice che la canzone rappresenta "il dire addio a tutti i miei fidanzati passati". Ciascuna delle canzoni di "The Fame Monster" è stata presumibilmente influenzata da un particolare "mostro" che perseguitava Gaga. Nel caso di "Alejandro", quel mostro era la "paura degli uomini".

Tre fidanzati

Gaga ha affermato che la canzone fa riferimento specificamente a tre "fidanzati": lo stilista Alexander McQueen, rappresentato dal nome Alejandro; il produttore Fernando Garibay, usando il suo vero nome; e il produttore ed ex collaboratore Rob Fusari, rappresentato dal nome Roberto. McQueen si è suicidato solo due mesi prima del rilascio di "Alejandro" come singolo. Garibay ha prodotto un'altra canzone nell'EP, "Dance In the Dark", e poi ha lavorato su più tracce dell'album "Born This Way", incluso il singolo di successo. Fusari ha lavorato con Gaga sul suo singolo "Paparazzi", che è apparso nel disco due dell'EP "The Fame Monster".

Confronti con abba e asso di base

Musicalmente, "Alejandro" è stato paragonato ai gruppi pop ABBA e Ace of Base. Uno dei riferimenti chiave agli ABBA è il nome "Fernando", che è anche il titolo della top 1975 hit pop del gruppo svedese del 15. Lady Gaga ha menzionato nelle interviste che considera il gruppo un'influenza musicale chiave.

Il suono complessivo di "Alejandro" ricorda il successo pop di Ace of Base nel 1994 "Don't Turn Around". Entrambe le canzoni iniziano con un'introduzione parlata. Altri confronti includono il ritmo lento e la struttura delle voci. Alcuni osservatori vedono anche somiglianze con il suono latino di "La Isla Bonita" di Madonna.

Vittorio monti and "csardas"

"Alejandro" inizia con un violino che suona la melodia di "Csardas", una composizione del compositore italiano Vittorio Monti di fine Ottocento / inizio Novecento. Monti era noto per aver scritto sia balletti che operette, ma "Csardas" è la sua composizione più famosa. Si basa su una czardas ungherese, o danza popolare.

Impatto commerciale

"Alejandro" divenne il settimo singolo consecutivo di Lady Gaga nella top 10 pop negli Stati Uniti. Fu anche la terza e ultima hit nella top 10 pubblicata da "The Fame Monster". Ha raggiunto il numero 5 della classifica pop, il numero 1 della classifica dance e il numero 13 sia del pop per adulti che della radio contemporanea per adulti. È stato il primo singolo di Lady Gaga a non raggiungere il numero 1 nelle radio pop tradizionali.

Video musicale

Il video musicale di accompagnamento di "Alejandro" è uno dei più controversi della carriera di Lady Gaga. Il concetto per il video si è leggermente allontanato dal significato dichiarato della canzone stessa. Lady Gaga ha indicato che il video riguardava le sue amicizie con uomini gay e il suo successivo fallimento nel trovare un partner maschio etero.

La coreografia del video è influenzata dal lavoro rivoluzionario di Bob Fosse per il musical Cabaret. All'inizio della clip, Lady Gaga guida un corteo funebre. Appare quindi come un personaggio simile a Sally Bowles di Cabaret. Più tardi, indossa una veste con cappuccio che ricorda Giovanna d'Arco, e poi appare come una suora con un abito di lattice rosso che ingoia i grani del rosario. Lady Gaga indossa anche un reggiseno tempestato di pistole. 

Controversia video

Molti critici hanno paragonato il video di "Alejandro" al one-shot di "Like a Prayer" di Madonna. Entrambi fondono l'immaginario cattolico e il sesso, e quello di Gaga ha causato un'analoga marea di lamentele per la sua cosiddetta rappresentazione sacrilega delle immagini religiose. Altri si sono lamentati del fatto che il video fosse un tentativo a buon mercato di attirare l'attenzione attraverso la blasfemia religiosa, mentre altri ancora lo vedevano come una fregatura dello stile di Madonna. Klein ha difeso l'intento di Gaga e il suo lavoro, affermando che non avevano mai inteso che il video fosse negativo o offensivo. Invece, volevano rappresentare una battaglia tra le forze dell'oscurità e della luce. "Le piacciono le epopee", ha continuato Klein in un'intervista a Rolling Stone. "Si adatta alla sua personalità. Abbiamo combinato danza, narrativa e attributi del surrealismo. Il processo era quello di esprimere il desiderio di Lady Gaga di rivelare il suo cuore e sopportare la sua anima".