Punti focali nella definizione della pittura

Il punto focale di un dipinto è un'area di enfasi che richiede la massima attenzione e verso la quale viene attratto l'occhio dello spettatore, trascinandolo all'interno del dipinto. È come l'occhio di bue su un bersaglio, anche se non così evidente. È così che l'artista attira l'attenzione sul contenuto particolare del dipinto ed è spesso l'elemento più importante del dipinto. Il punto focale dovrebbe essere basato sull'intento dell'artista, il motivo per cui ha dipinto, quindi dovrebbe essere determinato all'inizio del processo. 

La maggior parte dei dipinti rappresentativi ha almeno un punto focale ma può avere fino a tre punti focali all'interno del dipinto. Un punto focale è solitamente dominante. Questo è il punto focale che è il più forte, con il maggior peso visivo. Il secondo punto focale è sub-dominante, il terzo è subordinato. Oltre quel numero, può iniziare a creare confusione. I dipinti senza un punto focale tendono a non avere molte variazioni, alcuni sono basati più su uno schema. Ad esempio, molti dei dipinti successivi di Jackson Pollock, in cui dipinge con una sequenza lirica di gocciolamenti, non hanno un punto focale.

I punti focali si basano sulla fisiologia della visione, il processo mediante il quale gli esseri umani vedono effettivamente, che ci consente di concentrarci visivamente su una sola cosa alla volta. Tutto il resto oltre il centro del nostro cono visivo è sfocato, con bordi morbidi e solo parzialmente distinguibile.

Scopo dei punti focali

I punti focali aiutano a dare un significato a un dipinto e a trasmettere l'intento dell'artista. È responsabilità dell'artista determinare quale sia il punto focale e manipolare i colori, i valori e la composizione per creare un punto focale che si aggiunge al significato del dipinto. Non dovrebbe essere lasciato allo spettatore il compito di indovinare qual è il punto focale. 

Un punto focale aiuta a raccontare allo spettatore la storia di un dipinto, ciò che è importante per il dipinto e per dare un impatto drammatico a un dipinto. Più punti focali possono guidare lo sguardo dello spettatore dentro, attraverso e intorno al dipinto, fornendo aree in cui gli occhi possono fermarsi per un momento, permettendo al tempo di digerire la scena e contemplare il lavoro. Molteplici punti focali forniscono anche un ritmo al dipinto.

Non è necessario che ci sia un punto focale specifico se il soggetto stesso è il punto focale, ad esempio in un ritratto. In tal caso, gli occhi sono spesso il punto focale, insieme a dettagli specifici, come in La ragazza con l'orecchino di perla di Vermeer. La creazione di punti focali ti dà come artista un maggiore controllo su come la tua opera d'arte viene vista e percepita.

Quando si fa un dipinto è utile porsi tre domande: Perché sto facendo questo dipinto? Che cosa è più importante per me in questa scena? Qual è l'effetto che sto cercando di ottenere? Rispondere a queste domande ti aiuterà a definire e mantenere il tuo punto focale. Spesso vale la pena tornare su queste domande mentre dipingi.

Come creare punti focali

Gli elementi ei principi del design lavorano insieme per aiutare a creare e definire il punto focale. Qualsiasi elemento artistico - linea, forma, colore, valore, forma, consistenza e spazio - può contribuire a definire il punto focale in combinazione con i principi dell'arte: equilibrio, contrasto, enfasi, movimento, schema, ritmo e unità / varietà.

La composizione, il modo in cui gli elementi ei principi dell'opera d'arte si uniscono per formare la struttura del dipinto, è importante per manipolare lo sguardo dello spettatore attorno al dipinto. La composizione può aiutare a definire il punto focale e un punto focale può rafforzare la composizione. Lavorano in modo interdipendente per creare peso visivo.

Le linee reali e implicite possono dirigere lo sguardo dello spettatore verso il punto focale. Le linee diagonali sono particolarmente efficaci perché sono più dinamiche delle linee verticali e orizzontali e tendono a portare rapidamente l'occhio dello spettatore nel dipinto.

Le linee che convergono, come i binari della ferrovia che si dirigono in lontananza, porteranno l'occhio a un punto focale. 

Anche il contrasto è molto importante. L'occhio dello spettatore di solito va prima all'area di maggior contrasto in un dipinto. Questo è spesso il punto focale. Il contrasto di valore (scuro contro luce) è il più evidente, ma anche il contrasto di colori, forme, temperatura del colore o trame può essere distintivo e attirare l'occhio dello spettatore.

I colori complementari attireranno lo sguardo dello spettatore, in particolare se sono saturi. Ritagliare il soggetto come fa una macchina fotografica e avvicinarsi ad esso in modo che diventi grande e riempia la tela, enfatizza il soggetto e gli conferisce un peso visivo, rendendolo il punto focale del tuo dipinto.

Inquadrare qualcosa aiuta a identificarlo come un punto focale, sia in una cornice letterale, come il telaio di una porta o di una finestra, sia incorniciato da rami di alberi o altri elementi. I bordi duri sono più evidenti dei bordi morbidi. Sembrano essere "a fuoco" piuttosto che "fuori fuoco". Se vuoi enfatizzare qualcosa, indurisci il bordo; se vuoi de-enfatizzare qualcosa, ammorbidisci il bordo. I bordi rigidi e morbidi sono noti anche come bordi persi e trovati.

Un punto focale dovrebbe avere più dettagli rispetto ad altri elementi all'interno del dipinto per dargli un peso visivo. La temperatura del colore è importante. I colori caldi tendono a farsi avanti, mentre i colori freddi tendono a ritirarsi. Questo può essere utilizzato per definire un punto focale creando un contrasto nella temperatura del colore in un dipinto. I gialli e i rossi attirano per primi l'occhio. 

Se includi persone in un dipinto, non importa quanto piccole, diventeranno il punto focale. Posizionare qualcosa di insolito all'interno di una scena ne farà anche un punto focale. Ad esempio, risalterà un singolo quadrato in un motivo di cerchi e viceversa; o un segno rosso in un campo di un altro colore. Tutto ciò che è un'anomalia risalterà agli occhi dello spettatore. 

Al contrario, isolare qualcosa da una scena ne farà un punto focale. Bilanciare un gruppo di cerchi in una parte di un dipinto con un singolo cerchio in un'altra parte farà risaltare il cerchio isolato come punto focale. Tutto ciò che non fa parte dell'area di enfasi o del punto focale dovrebbe essere dipinto in un modo che non attiri l'attenzione su di esso: bordi più morbidi, colori più neutri, meno contrasto. 

Dove individuare il punto focale

In genere si desidera che il punto focale sia ben posizionato all'interno della cornice per portare l'occhio dello spettatore nel dipinto, ma non necessariamente proprio al centro, sebbene ci siano momenti anche per quello.  

La regola dei terzi è una linea guida compositiva ampiamente utilizzata per individuare il punto focale. Il punto focale dovrebbe essere posizionato in una delle intersezioni delle linee della griglia di una griglia immaginaria posizionata sopra il dipinto, a circa un terzo da qualsiasi bordo del dipinto. L'uso della regola dei terzi ti garantirà una composizione piacevole alla vista.

Le forme compositive all'interno di un formato rettangolare standard che possono aiutarti a determinare dove posizionare il tuo punto focale includono un triangolo, un ovale, un rettangolo più piccolo e una "s" con orientamento verticale. Individuare il punto focale vicino all'angolo in alto a destra della composizione, in alto a destra del rettangolo o nell'apice superiore del triangolo, con una leggera inclinazione verso la destra della composizione, è generalmente gradito agli spettatori delle culture occidentali che sono abituato a leggere da sinistra a destra.

Suggerimenti

Un modo per verificare dove si trova il punto focale in un dipinto è chiudere gli occhi e poi aprirli lentamente, notando dove il tuo occhio è attratto per la prima volta nel dipinto. Per determinare se nel tuo dipinto ci sono elementi che distraggono dal punto focale, fissa il punto focale per un minuto e, senza muovere gli occhi, vedi se c'è qualcos'altro nel dipinto che compete per la sua attenzione e attira il tuo sguardo verso di esso. In tal caso, rimuovere quell'elemento o attenuarlo in modo che risulti meno diverso dal contesto. 

Ricorda di fornire allo spettatore un posto dove riposare gli occhi. Non tutte le parti del dipinto dovrebbero essere ugualmente complesse o dettagliate. Vuoi evitare di far sembrare il tuo dipinto troppo occupato. Pensa a bilanciare gli spazi negativi e positivi. 

Non fornire allo spettatore troppe informazioni con troppi dettagli. Limita i dettagli al punto focale. Lascia che lo spettatore compili una parte della storia. Questo aiuta a creare mistero e intrighi. Un punto focale, o più punti focali, dovrebbe aiutare a raccontare la storia del dipinto, ma non tutta la storia. Per realizzare un grande dipinto è importante anche coinvolgere l'immaginazione dello spettatore.

Fonte:

Jennings, Simon, The Complete Artists Manual, Chronicle Books, San Francisco, 2014, p. 230.

Debra J. DeWitte, Ralph M. Larmann, M. Kathryn Shields, Gateways to Art: Understanding the Visual Arts, Thames & Hudson.

Jennings, Simon, The Complete Artists Manual, Chronicle Books, San Francisco, 2014.