Perché intagliamo le zucche ad Halloween?

Il nome "jack-o'-lantern" è di origine britannica e risale al XVII secolo, quando letteralmente significava "uomo con una lanterna" (cioè un guardiano notturno).

Era anche un soprannome popolare per il fenomeno naturale noto come ignis fatuus (fuoco dello sciocco), o "will o 'the wisp", quelle misteriose luci blu tremolanti a volte viste sulle zone umide di notte e associate nel folklore a fantasmi dispettosi, goblin, fate e simili.

Verso la fine del 1800, le persone applicavano il nome "jack-o'-lantern" a un oggetto fatto in casa più comunemente noto prima di allora come "lanterna rapa", descritto da Thomas Darlington nel suo volume del 1887 The Folk-Speech of South Cheshire come "una lanterna ricavata scavando l'interno di una rapa, scolpendo il guscio in una rappresentazione rude del volto umano e inserendovi una candela accesa".

Sia in Ognissanti (Ognissanti, 1 novembre) che in Ognissanti (2 novembre), i bambini cattolici portavano lanterne di rapa mentre chiedevano porta a porta torte dell'anima per commemorare i morti.

Le lanterne di rapa venivano portate anche dai celebranti che sfilavano per le strade il 5 novembre, giorno di Guy Fawkes.

Facce spaventose

Non dovrebbe sorprendere che le lanterne di rapa siano state usate male dai burloni. "È uno stratagemma comune ai ragazzi dispettosi per spaventare i viandanti in ritardo sulla strada", ha osservato Darlington nel 1887.

Un glossario del discorso regionale pubblicato dalla English Dialect Society nel 1898 definì "lanterna rapa" (o "lanterna to'nup") così:

... una grossa rapa, scavata, con bocca, occhi e naso realizzati per imitare il volto umano. Una candela viene messa dentro, ed è usata da persone sciocche allo scopo di spaventare le persone più semplici di loro.

Sir Arthur Thomas Quiller-Couch ricorda un memorabile scherzo a forma di zucca sulle pagine di The Cornish Magazine, pubblicato nel 1899:

I giovani dispettosi presero il portello (la metà inferiore della porta d'ingresso) e dopo aver legato a un chiodo piantato al centro una grande lanterna di rapa ben illuminata tagliata a rappresentare un volto umano grottesco e sorridente, la portarono in cima al casa, appoggiandolo piatto sopra il camino, la lanterna, sospesa da una forte corda, essendo calata attraverso il camino a una profondità tale da essere visibile a chiunque guardi in alto dal basso - il camino è aperto. In brevissimo tempo il fumo, impedito dalla botola di fuoriuscire attraverso il camino, iniziò a riempire la casa. Tutti iniziarono subito a tossire e lamentarsi dell'irritazione causata dal fumo. Una delle donne della casa si chinò e guardò su per il camino per accertarsi di cosa non andasse, e il brutto viso incontrò il suo sguardo, facendola gridare e diventare isterica.

È un po 'difficile inghiottire l'immagine di un adulto sano di mente che viene letteralmente portato all'isterismo alla vista di un jack-o'-lantern delle dimensioni di una rapa in questo giorno ed età, ma quelli, come si suol dire, erano tempi più semplici.

La leggenda dell'avaro Jack

Secondo un racconto spesso ripetuto (sicuramente inventato dopo il fatto e da un inglese, senza dubbio), il jack-o'-lantern prese il nome da un irlandese malandrino noto come Jack Stingy, che ingannò il Diavolo facendogli garantire che non l'avrebbe fatto. Vado all'inferno per i suoi tanti e vari peccati. Quando Jack morì, tuttavia, scoprì con suo sgomento che l'accordo lo aveva anche escluso dal paradiso, così scese di sotto, bussò alle porte dell'inferno e chiese il suo debito al Diavolo. Non lo sapresti, anche se quest'ultimo ha mantenuto la sua promessa di salvare Jack dalle profondità dell'Ade, lo ha fatto condannandolo a vagare sulla superficie della terra per l'eternità con solo un tizzone di fuoco infernale a illuminare la sua strada?

Da allora in poi, secondo la leggenda, Stingy Jack era conosciuto con il nome di Jack O'Lantern.

Tradizione

Fu solo quando gli immigrati irlandesi portarono l'usanza di intagliare jack-o'-lantern in Nord America che la zucca più comunemente disponibile (e più facile da intagliare) venne usata per quello scopo, e non fino a metà tarda Nel 19 ° secolo l'intaglio della zucca era una tradizione consolidata di Halloween. Questa ordinata narrazione didattica proviene da un libro scolastico di inizio secolo, The New Century First Reader di Victoire e Perdue:

Will e Fred sono andati alla stalla.
Hanno una zucca.
La zucca era grande.
La zucca era gialla.
I ragazzi hanno tagliato la parte superiore.
Hanno tagliato i semi.
Hanno fatto quattro buchi nella zucca.
Hanno messo una candela nella zucca.
La luce risplendeva.
I ragazzi dissero: "Guarda il nostro Jack-o'-Lantern".