Nonni in famiglie afro-americane

I nonni afroamericani tendono a svolgere ruoli vitali nella vita dei loro nipoti. Spesso i nonni risiedono nella stessa famiglia dei loro nipoti. Le famiglie multigenerazionali sono comuni e il numero di nipoti allevati dai nonni o persino dai bisnonni è più alto in questo gruppo che in qualsiasi altro grande gruppo razziale o etnico.

Ruoli dei nonni nelle famiglie afroamericane

Tutte le generazioni concordano sul ruolo importante svolto dai nonni afroamericani, sebbene le generazioni abbiano interpretazioni leggermente diverse di quei ruoli.

È probabile che i nipoti afroamericani affermino che i loro nonni occupano posizioni di autorità. Aggiungono che i loro nonni sono coinvolti nella disciplina, forniscono assistenza finanziaria e spesso agiscono come genitori. È probabile che anche i nipoti considerino l'accettazione della guida di un nonno come parte del loro dovere di nipoti.

I genitori afroamericani spesso vedono i nonni come una sorta di genitori di seconda linea. Fanno affidamento sui nonni per riprendersi quando hanno bisogno di aiuto con i genitori. Questa pratica può portare a un offuscamento del confine tra genitorialità e nonni e può causare problemi di confine. 

Oltre agli altri ruoli che giocano, i nonni afroamericani spesso si vedono come insegnanti. Le lezioni che trasmettono riguardano spesso le maniere, i valori, la morale e la religione.

Il ruolo speciale della nonna

Nessun sondaggio sui nonni afroamericani sarebbe completo senza menzionare il ruolo quasi mitico della nonna. In parte a causa della mortalità precoce tra gli uomini di colore, i nipoti hanno maggiori probabilità di avere relazioni sostanziali con le loro nonne. Secondo uno studio, tra i nipoti che vivono con una nonna, i nonni erano presenti circa un quarto del tempo.

Struttura familiare afro-americana

La moderna famiglia americana è talvolta descritta come una struttura verticale, o "palo di fagioli". Le generazioni sono composte da pochi membri e vengono allontanate l'una dall'altra da un numero considerevole di anni. Le famiglie afroamericane sono state storicamente più orizzontali che verticali nella struttura, con meno anni tra le generazioni e più membri in una generazione. Alcuni ricercatori ipotizzano che le famiglie afroamericane diventeranno più verticali in futuro.

La precoce gravidanza da parte delle donne è stata un fattore nel preservare la struttura orizzontale delle famiglie afroamericane. Le madri più giovani producono nonne più giovani, che potrebbero essere più disponibili e in grado di assumere ruoli attivi nell'educazione dei nipoti. Inoltre, tuttavia, questa struttura orizzontale porta spesso i nonni a essere in quella che viene chiamata la generazione dei sandwich. Le donne afro-americane di una certa età possono fornire assistenza a nonni anziani, genitori anziani, figli e nipoti. Inoltre, quando i bambini adulti vengono incarcerati o lottano contro l'abuso di sostanze, spesso sono i nonni a prendersi la briga.

Radici della struttura familiare

Alcuni fanno risalire la natura fluida del ruolo dei nonni ai tempi della schiavitù. Qualsiasi adulto che si trovava nelle vicinanze quando un bambino aveva bisogno di aiuto lo ha subito dato. Molte volte i veri genitori di un bambino non erano disponibili. Potrebbero aver lavorato o addirittura essere stati scambiati, quindi ogni membro della comunità si è preso cura di ogni bambino.

Nel periodo successivo alla schiavitù, molte donne afroamericane hanno continuato a praticare una forma estesa di genitorialità, prendendosi cura di figli, nipoti e pronipoti, nonché di nipoti, nipoti e figli non imparentati con loro. 

In altre culture, le donne possono aspettarsi che i loro giorni di maternità finiscano in un determinato momento. Nelle famiglie afro-americane, molte donne si considerano semplicemente donne che lavorano e si prendono cura dei membri della famiglia, senza una fine visibile in vista. 

Parente fittizio

Un altro aspetto importante delle famiglie afro-americane è il ruolo dei parenti fittizi, ovvero i parenti che non sono legati dal sangue ma che assumono il ruolo di parenti. Non è insolito che i bambini afroamericani abbiano nonni sia letterali che fittizi. Inoltre, le famiglie afroamericane sono spesso fluide, con vari membri della famiglia nucleare e della famiglia allargata che prendono la residenza in base alle loro esigenze. Anche tra i nipoti che non erano né co-residenti né allevati da nonni, è normale che i nipoti abbiano vissuto con i nonni per periodi della loro vita.

Nomi per nonni afroamericani

Alcuni afroamericani toccano le lingue africane per i nomi dei nonni. Le lingue e i dialetti africani offrono le seguenti possibilità:

  • Swahili: Bibi o Nyanya per la nonna e Babu per il nonno
  • Botswana: Nkuku per nonna, Ntatemogolo per nonno
  • Shona: Nonna per nonna, nonno per nonno
  • In vendita: Nonna per nonna, nonna per nonno
  • Xhosa: Nonna per nonna, nonno per nonno
  • Zulu: Nonna per nonna, nonno per nonno

È molto più comune, tuttavia, che gli afroamericani usino i termini inglesi e le loro varianti, come Grandmother, Grandma, Granny e MawMaw per nonne.

fonti:

  • Hunter, Andrea G. e Robert J. Taylor. "Nonni nelle famiglie afroamericane". Manuale sul nonno. Ed. Maximiliane E. Szinovácz. Greenwood Publishing. 1998. 70-86. Libri di Google.
  • Ruiz, Dorothy S. "Guardiani e badanti: nonne afroamericane come badanti primari nelle famiglie intergenerazionali".
  • "La guida definitiva ai nomi dei nonni". Grandparents.com