Nomi e nonni hawaiani alle hawaii

 Il termine formale hawaiano per nonno è kuku kane, ma tutu kane è usato più comunemente. Sebbene non ci sia "t" nella lingua ufficiale hawaiana, essendo stato sostituito da "k", tutu è ancora comunemente scritto e pronunciato con una "t". Il tutù abbreviato è comunemente usato per i nonni di entrambi i sessi.

Un altro termine a volte usato per i nonni è kapuna. Questo termine, che si traduce più accuratamente in "anziano", riflette il ruolo dei nonni nel preservare e insegnare la cultura tradizionale, un ruolo particolarmente importante per i nonni hawaiani.

Scopri i nomi delle nonne hawaiane. Vedi altri nomi per i nonni in tedesco, irlandese e francese.

Cultura hawaiana tradizionale

A seconda delle definizioni utilizzate, da un decimo a un quarto degli occupanti delle Hawaii sono identificati come nativi hawaiani o isolani del Pacifico. Tuttavia questa è la cultura più fortemente associata alle isole. I nativi hawaiani non hanno uno status speciale poiché molti degli indigeni degli altri 49 stati sono stati premiati.

Nella cultura tradizionale hawaiana, la famiglia allargata, nota come ohana, è di grande importanza. Questa famiglia allargata, piuttosto che un singolo individuo o una coppia, si occupa della cura dei bambini e dell'insegnamento dei giovani. Le famiglie allargate vivono spesso insieme in famiglie multigenerazionali. Circa il 12% dei nonni nativi hawaiani condivide l'alloggio con i nipoti, rispetto a circa il 7% delle Hawaii nel loro complesso e meno del 4% negli Stati Uniti nel loro complesso. 

Nonni hawaiani come genitori

Come i nonni di tutto il mondo, i nonni hawaiani a volte si trovano nella posizione di essere genitori dei loro nipoti. I nonni hawaiani sono spesso motivati ​​ad assumere questo ruolo dall'affetto per i loro nipoti piuttosto che da un senso di obbligo. Menzionano l'amore incondizionato tra nonni e nipoti come il più grande vantaggio di prendersi cura dei nipoti.

I nonni hawaiani possono assumere il ruolo di caregiver in modo più naturale a causa della tradizione di hanai, in cui qualcuno diverso dai genitori biologici, spesso i nonni, riceveva un figlio da crescere. Questa disposizione ha permesso al bambino di apprendere la cultura hawaiana, la storia familiare e le abilità da un anziano. 

Nelle Hawaii moderne, i nonni di solito si prendono cura dei bambini in circostanze meno positive, spesso a causa dell'abuso di sostanze o dell'incarcerazione di un genitore. In queste circostanze, i nonni spesso si trovano ad aver bisogno di aiuto, ma preferiscono ricevere aiuto dalla famiglia e dagli amici piuttosto che dal governo o dai servizi sociali. Anche più di alcuni nonni, tuttavia, i nativi hawaiani potrebbero beneficiare di alcuni programmi di sensibilizzazione. Attualmente hanno tassi di malattia più elevati e una durata della vita inferiore rispetto a qualsiasi altro gruppo alle Hawaii.

Alcuni osservatori ritengono che alcuni di questi problemi siano legati al trauma culturale che i nativi hawaiani subirono in seguito all'arrivo del capitano Cook nel 1778. Le malattie portate dagli esploratori portarono la popolazione indigena praticamente a essere spazzata via, scendendo a soli 40,000 ad un certo punto . Quando gli Stati Uniti annessero le Hawaii un centinaio di anni dopo, alla popolazione fu proibito di parlare la loro lingua madre e altri aspetti della loro cultura andarono persi o danneggiati. 

Credenze hawaiane

Oltre all'ohana, altri concetti hanno plasmato la cultura hawaiana. Ecco alcuni dei più importanti.

  • Aloha è molto più di un saluto alle Hawaii. Comprende i valori dell'amore, della cura e della compassione. Questa cura si estende a tutte le persone e anche alla terra stessa.
  • Lokahi è il principio di equilibrio, unità e armonia. Il triangolo Lokahi è la combinazione degli aspetti fisici, mentali e spirituali della vita. Non si può essere sani senza prestare attenzione a tutte e tre le parti.
  • Mahalo è un atteggiamento di rispetto e apprezzamento. Secondo quanto riferito, i primi visitatori dell'isola hanno notato che gli indigeni erano molto generosi, ma non avevano un termine per "grazie". La gratitudine era un atteggiamento che si aveva, piuttosto che un pensiero che doveva essere espresso. Oggi si sente il mahalo usato come equivalente di "grazie", anche se può essere usato principalmente con i turisti. 

Idiomi hawaiani

Come i nonni di tutto il mondo, i nonni hawaiani si divertono a trasmettere la loro saggezza, specialmente se possono farlo in modo spiritoso o memorabile. Alcuni proverbi hawaiani fanno allusione alle caratteristiche geografiche delle Hawaii. I detti hanno senso solo per chi ha familiarità con le aree nominate.

  • "Il monte Hihimanu è tutto chiaro in cima." Si dice che stuzzichi un uomo calvo. Il Mont Hihimanu è una montagna su Kauai, un po 'sterile in cima. 
  • "La pioggia di Waimea bagnerà." Tutte le parti in una lite ne soffriranno. Waimea è un'area spartiacque sulla Big Island delle Hawaii.
  • "Ci vuole un abile marinaio per andare a Lehua." Non cercare di fare qualcosa che va oltre le tue capacità. Lehua è una piccola isola a forma di mezzaluna usata in un test tradizionale delle abilità di navigazione di un marinaio.
  • "Fai attenzione quando viaggi per Puna." Stai sempre attento al tradimento. La roccia del vulcano vicino a Puna sulla Big Island rende difficile il passo.