La verità sulla leggenda metropolitana di Carmen Winstead

La leggenda metropolitana di Carmen Winstead è emersa nel 2006 quando le lettere a catena hanno iniziato a circolare online. Alcune lettere sono scritte come racconti di notizie drammatiche, altre sono nella voce del fantasma di Winstead. Tutti raccontano la stessa triste storia di un'adolescente che è stata spinta in un pozzo fino alla morte. Ora, il suo fantasma vaga per la terra, uccidendo le persone che ricevono questa lettera a catena ma non la inoltrano. Ma è vero tutto questo?

La storia di Carmen

Questa storia spettrale è apparsa per la prima volta su siti di social media come MySpace e e-mail. Nel tempo, le versioni sono apparse altrove online, come questa versione che è stata pubblicata su Google+ il 4 ottobre 2014:

"Ciao, mi chiamo Carmen Winstead. Ho 17 anni. Sono molto simile a te ... Ti ho detto che sono morta. Qualche anno fa un gruppo di ragazze mi ha spinto in una fogna per cerca di mettermi in imbarazzo. Quando non sono tornato su è arrivata la polizia. Le ragazze hanno detto che ero caduto e tutti gli hanno creduto. La polizia ha trovato il mio corpo nelle fogne. Avevo il collo rotto e la faccia strappata. Invia questo messaggio a 15 persone dopo aver letto l'intero messaggio se dai valore alla tua vita! Un ragazzo di nome David ha ricevuto questo messaggio. Ha riso e l'ha cancellato. Quando era sotto la doccia ha sentito ridere ... LA MIA RISATA! davvero spaventata, si precipitò al telefono per ripubblicare questo messaggio ... Ma era troppo tardi. La mattina dopo sua madre entrò nella sua camera da letto e tutto quello che trovò fu un messaggio scritto nel suo sangue che diceva: "Non lo riavrai mai indietro!" Nessuno ha ancora trovato il suo corpo ... perché è con me! ... Invia questo a 15 persone nei prossimi 5 minuti se non vuoi che il tuo destino sia lo stesso di quello di David.il tempo inizia ... ORA! La storia è vera, puoi cercarla su google "1:38

Guarda ora: The Urban Legend of Carmen Winstead's Ghost

Analisi

Prima di tutto, niente panico se hai ricevuto una di queste catene di Sant'Antonio. Non ci sono registri pubblici di un'adolescente di nome Carmen Winstead che è morta dopo essere stata spinta in una fogna da compagni di scuola prepotenti. Ciò non prova senza ombra di dubbio che nulla di simile sia mai accaduto, ma è una ragione sufficiente per classificare il racconto come folclore, un racconto ammonitore o una leggenda metropolitana.

È anche un classico esempio di catene di Sant'Antonio, anche se circolano online anziché per posta, che è il modo in cui venivano distribuite le catene di Sant'Antonio. Come ogni catena di Sant'Antonio, il suo obiettivo principale è l'auto-replicazione tramite invio e reinvio. Questa particolare catena di lettere si basa su una minaccia soprannaturale - la promessa di una morte dolorosa per mano del fantasma di Carmen Winstead - per stimolare i destinatari a trasmetterla.

Altre minacce soprannaturali

Sei ancora spaventato? Se è così, probabilmente non dovresti leggere nessuno di questi altri esempi del genere delle lettere a catena di fantasmi, perché è probabile che ti spaventeranno ancora di più. 

Una bambina di nome Clarissa: Questa raccapricciante storia ti farà accapponare la pelle. Parla di una ragazza malata di mente che è stata impegnata in un istituto dopo aver ucciso i suoi genitori. È riuscita a sfuggire alla sua prigionia, uccidendo tutti nell'ospedale psichiatrico e poi scomparendo. Insegue le persone che non inoltrano la sua catena di Sant'Antonio, aspettando fino a lunedì a mezzanotte per ucciderti tagliandoti gli arti uno per uno. 

La statua del clown: I pagliacci possono essere piuttosto inquietanti (si pensi a "It" di Stephen King), e questa leggenda metropolitana non è diversa. In questa storia, una giovane baby sitter ei bambini che sta guardando sono minacciati da una spaventosa statua di un clown. In alcune versioni chiama la polizia e il clown, che è un detenuto evaso, viene arrestato. In altre versioni, il clown uccide la babysitter e i bambini. Ignora la catena di Sant'Antonio, ai destinatari viene detto e il clown apparirà al tuo capezzale alle 3 del mattino per ucciderti!

Anche gli umani possono leccare: In questa storia, una donna anziana scopre che un assassino è a piede libero, quindi chiude a chiave tutte le porte e le finestre tranne una. Accoccola il suo cane per comodità e si addormenta. Quella notte, viene svegliata da uno strano rumore e sente il suono del gocciolio provenire dall'altra stanza. Raggiunge il suo cane, che le lecca la mano e si riaddormenta. La mattina dopo, trova il suo cane morto in bagno, con il sangue che gocciola nello scarico. Trova anche un biglietto che dice: "Anche gli umani possono leccare". Coloro che ignorano la catena di Sant'Antonio incontreranno un destino simile.