La storia del rapper del gioco: una biografia

Come probabilmente puoi capire dai suoi testi, The Game è un figlio delle strade. Nato come Jayceon Terrell Taylor il 27 novembre 1979 a Los Angeles, California, è cresciuto in un quartiere di Compton grintoso e infestato dalle gang. Seguendo le orme dei suoi genitori, entrambi affiliati a una gang, Game si è unito ai Cedar Block Piru Bloods.

Sveglia

The Game (noto anche come Hurricane Game e Chuck Taylor) non era immune dalle conseguenze del correre per le strade. Anche se secondo quanto riferito è stato espulso dalla squadra di basket della Washington State University per presunto traffico di droga, le cose in seguito avrebbero preso una svolta terribile nel mondo di Jayceon Taylor. Nel 2001, è stato coinvolto in un alterco che ha lasciato cinque proiettili nel suo corpo. Dopo essersi ripreso da un coma di tre giorni, Game ha abbandonato il suo vecchio stile di vita e ha deciso di provare il rap.

Uno studente del gioco rap

Nella sua ricerca della supremazia, Game iniziò a studiare diversi stimati album rap tra cui Reasonable Doubt, The Chronic e Illmatic, prestando molta attenzione ai vari elementi che rendevano quei dischi senza tempo. Innumerevoli mixtape più tardi, il dottor Dre notò il giovane Comptonite e lo prese sotto le sue ali prima di decidere di dividere i compiti di mentoring con 50 Cent. Sfortunatamente, quello fu anche l'inizio di quella che alla fine sarebbe diventata la faida più ridondante nella storia dell'hip-hop.

Il documentario

Molto prima di lanciare la sua campagna G-Unot, Game era considerato il braccio della costa occidentale dell'equipaggio di 50 Cent's G-Unit. Il suo debutto nel 2005, The Documentary, presentava una formazione costellata di stelle: Mary J. Blige, Busta Rhymes, Dr. Dre, Eminem, 50 Cent e Kanye West. L'album è stato ben accolto, ottenendo anche a Game e al collaboratore 50 Cent una nomination ai Grammy per "Hate It or Love It". Ma tutto è cambiato dopo che il gioco ha appreso (in onda) che era stato abbandonato dalla G-Unit settimane dopo che The Documentary aveva raggiunto i negozi. Ne seguirono polemiche.

 

Il gioco contro g-unit

A seguito di un alterco fuori Hot 97, un membro dell'entourage di Game è stato colpito da un amico di 50 anni. È interessante notare che 50 e Game in seguito hanno denunciato la loro animosità tramite una conferenza stampa e si sono scambiati abbracci come gesto di tregua. Ma i fan erano scettici, liquidando la tregua come una trovata pubblicitaria. 50 in seguito ha rivelato di aver scritto cinque canzoni in The Documentary. Le vere capacità del gioco sono state messe a dura prova. Entra in G-Unot, un movimento rigorosamente progettato per screditare 50 e il suo equipaggio G-Unit.

Battaglie e controversie

Altri rapper che hanno subito l'ira di Game in passato includono:

  • Yukmouth
  • Young Gunz
  • Joe Budden
  • Memphis Bleek

Avvocato del dottore

Naturalmente, il gioco è passato da G-Unit a Geffen per il suo secondo set, The Doctor's Advocate. Sebbene il titolo dell'album sia un cenno al suo mentore Dr. Dre, il buon dottore non ha contribuito al progetto in nessuna forma o forma.

Discografia

  • 2005 - Il documentario (G-Unit / Aftermath / Interscope)
  • 2006 - Doctor's Advocate (Geffen)

Il gioco nelle sue stesse parole

"Non sto cercando di sostituire 'Pac ... / Dopo cinque milioni di dischi, le conferenze del Dr. Dre e tre tour mondiali, la costa occidentale è resuscitata./ 1/4 del gruppo finché il mio aiuto è stato rifiutato. / E Mi sono sentito abbandonato, così ho buttato via la mia collana ". ("Il mio turno", il gioco)