I significati del tono nella musica

Nell'esecuzione musicale e nella notazione, la parola "tono" può significare molte cose diverse, spaziando dalla terminologia letterale a quella concettuale. Alcune definizioni comuni di tono includono:

  1. Un suono musicale
  2. Un intero passo - un intervallo uguale a due semitoni (o mezzi passi)
  3. La qualità o il carattere di un suono

Quando il tono si riferisce a un tono

Nella musica occidentale, un suono costante può essere definito un tono musicale. Il tono è caratterizzato più frequentemente dalla sua altezza, come "LA" o "DO", ma include anche il timbro (la qualità del suono), la durata e persino l'intensità (la dinamica del suono). In molte forme di musica, diverse altezze vengono alterate dalla modulazione o dal vibrato.

Ad esempio, se un violinista suona un "Mi" e aggiunge il vibrato alla nota, non è più un tono puro. Ora ha minuscole modulazioni che potrebbero aggiungere calore al suono, ma anche alterarne il tono. Un tono puro ha una forma d'onda sinusoidale, che è un modello di oscillazione uniforme e ripetitiva. Il suono risultante è molto uniforme e costante. 

Tono come un intervallo di musica

Poiché un tono si riferisce spesso a un'altezza nella musica, può essere tradotto anche in passi musicali. Un intero passo è composto da due mezzi passi. Ad esempio, da C a D è un intero passaggio, ma da C a C diesis e da C diesis a D sono due mezzi toni. Questi possono anche essere chiamati "toni" o "semitoni". Un semitono è essenzialmente mezzo tono o mezzo passo. 

Tono e qualità del suono

Il tono può anche riferirsi alla differenza unica tra le voci dello stesso strumento e il colore o l'umore della voce (da non confondere con il timbro). Su diversi strumenti e nella musica vocale, un tono può essere espresso in molti modi diversi. Sul pianoforte, ad esempio, un tono delicato contrasta con un tono acuto e stridente, reso possibile grazie agli aspetti tecnici dell'esecuzione del pianoforte.

Un cantante potrebbe variare il suo tono alterando la qualità della sua voce e rendendola morbida e gentile a volte o naturalmente in altre. Per molti musicisti, la capacità di alterare e manipolare il proprio tono è un'abilità impressionante che viene fornita con la pratica e la finezza tecnica.