Domande frequenti sul divorzio

Ti chiedi come divorziare? Ottenere il divorzio non è un processo complicato. Ci sono alcuni requisiti che devi soddisfare in base alle leggi sul divorzio del tuo stato prima di presentare istanza di divorzio. Una volta che hai chiesto il divorzio, entrano in gioco altri fattori come il mantenimento dei figli, il sostegno coniugale e la divisione dei beni coniugali. Di seguito è riportato un elenco di domande poste più spesso alle persone che stanno attraversando un divorzio.

1. quanto costa il mio divorzio?

Il costo di un divorzio è determinato dalla complessità del caso e dal fatto che le questioni nelle cause siano contestate o meno. Un divorzio non contestato costerà naturalmente meno di un divorzio contestato. In altre parole, più il divorzio è contraddittorio, più costoso sarà il divorzio a lungo termine. Oltre alle spese legali, dovrai anche sostenere le spese di deposito del tribunale e altre spese sostenute durante il divorzio.

Se le leggi del tuo stato richiedono di scegliere un mediatore per il divorzio, tu e il tuo coniuge sarete responsabili di tali costi. Se ci sono grandi risorse da dividere, un'attività da valutare o una proprietà da valutare, potrebbe essere necessario l'assistenza di un analista finanziario divorzista. Questa è un'altra spesa di cui voi e il vostro coniuge sarete responsabili.

2. Se il mio coniuge mi ha tradito, posso fargli causa per il divorzio per adulterio?

Se puoi o meno fare causa per qualsiasi "motivo" dipende dallo stato in cui vivi. La maggior parte degli stati ha adottato leggi sul divorzio senza colpa, il che significa che un'azione di divorzio può essere intentata contro un coniuge senza bisogno di una ragione. Assicurati di verificare con un avvocato locale per scoprire quali sono le leggi del tuo stato in materia di motivi di divorzio.

D'altra parte, se il tuo coniuge ha ingannato il comportamento negativo può entrare in gioco durante le trattative per la risoluzione del divorzio. Ad esempio, se un marito / una moglie che tradisce spende i fondi coniugali per l'altra donna / uomo, i tribunali ne terranno conto quando considerano come vengono suddivisi i beni coniugali. Un avvocato divorzista competente sarà in grado di rispondere a qualsiasi domanda tu abbia su come il tuo tribunale locale affronta tali situazioni.

3. e se non voglio il divorzio?

Chiunque può ottenere il divorzio, che il coniuge lo desideri o meno. Negli stati di divorzio senza colpa, tutto ciò che devi fare è presentare la tua richiesta di divorzio. Alcuni stati hanno leggi che richiedono un periodo di separazione ma, dopo tale periodo, è possibile ottenere il divorzio indipendentemente dal fatto che il coniuge lo accetti o meno.

Se hai difficoltà ad accettare un divorzio che non desideri, puoi trovare un terapista che ti aiuti a elaborare le tue emozioni. È fondamentale che tu sia in grado di navigare nel processo di divorzio e non permettere che le emozioni negative ti inducano a fare scelte sbagliate.

Se stai piangendo la perdita di un matrimonio che desideri mantenere, è importante rimanere emotivamente stabile e in grado di prendere decisioni logiche durante il processo di divorzio.

4. cosa devo fare per avviare la procedura di divorzio?

Ci deve essere una petizione per il divorzio presentata al tuo impiegato del tribunale locale. Puoi farlo tramite un avvocato divorzista o puoi farlo Pro Se senza il beneficio di un avvocato. Una volta presentata una domanda di divorzio, il tuo coniuge avrà un certo numero di giorni per rispondere alla petizione.

Una volta presentata una petizione, il cancelliere la timbrerà e le darà un numero di caso. Dopo aver ricevuto un numero di caso e il coniuge ha risposto, il tribunale fisserà una data per un'udienza per ingiunzioni del tribunale temporanee o per la mediazione.

5. qual è la differenza tra una separazione legale e un divorzio?

In una separazione legale, rimani sposato. In caso di divorzio, il matrimonio viene sciolto e qualsiasi legame legale tra le parti viene infranto dalla legge.

Ci sono molte ragioni per scegliere una separazione legale piuttosto che un divorzio. Ad esempio, una separazione legale ti consente di rimanere sul piano di assicurazione sanitaria di un coniuge. Consente inoltre di esaurire il tempo necessario per il requisito di 10 anni per poter usufruire delle prestazioni di sicurezza sociale del coniuge. Esamina i vantaggi per te come coppia prima di procedere con il divorzio. 

6. In che modo il tribunale determina chi ottiene la custodia dei figli del matrimonio?

Il tribunale prenderà in considerazione ciò che ritengono sia nel "migliore interesse del bambino". Il tribunale prenderà in considerazione una serie di questioni quando considererà la custodia. Problemi come la persona con cui convive il bambino al momento, il rapporto con ogni genitore e la capacità di un genitore di prendersi cura e provvedere al bambino.

Ogni stato ha linee guida che usano per determinare l'affidamento dei figli. Chiedete al vostro avvocato o, a Google, "le linee guida statali per la custodia dei figli" per ulteriori informazioni.

La maggior parte dei tribunali si sta muovendo verso la genitorialità uguale o condivisa in questi giorni. Se sei un padre che desidera la parità di tempo con suo figlio, dovresti perseguire il diritto di essere genitore di tuo figlio su base 50/50 con la madre del bambino.

7. Come viene suddivisa la proprietà durante il divorzio?

Tutti i beni sono considerati beni coniugali a meno che non si possa dimostrare che si tratta di proprietà separata. La proprietà separata è la proprietà di proprietà di un coniuge prima del matrimonio, la proprietà che è stata ereditata e che non si è mai mescolata e la proprietà che è stata data in dono a uno dei coniugi o all'altro.

Altre questioni che verranno prese in considerazione quando si divide la proprietà sono il potere di guadagno di ciascun coniuge, l'aspettativa di una remunerazione dei benefici pensionistici, i contributi fatti da uno dei coniugi all'istruzione o allo sviluppo professionale dell'altro coniuge e la necessità di un genitore affidatario rimanere nella casa coniugale.

8. Riceverò supporto sponsale?

Le leggi statali differiscono da stato a stato quando si tratta della questione del sostegno coniugale. Il tuo avvocato sarà in grado di consigliarti su come viene gestito normalmente nel tuo stato. Un problema che la maggior parte degli stati prende in considerazione è la capacità di guadagno della moglie, se era una mamma casalinga e quanto ha contribuito alla carriera del marito.

Come regola generale, una moglie è considerata un coniuge a carico se guadagna meno del marito ed è sostanzialmente dipendente da lui per il suo mantenimento e sostegno. Questo vale per una moglie o un marito.

9. Mio marito è violento, cosa posso fare per proteggermi durante il processo di divorzio?

Devi proteggerti prima, durante e dopo il divorzio presentando un'ordinanza restrittiva contro tuo marito. Il tipo di assistenza che puoi ricevere varia da stato a stato. Sono disponibili risorse e programmi statali contro gli abusi domestici di cui dovresti approfittare.

Puoi anche assicurarti di avere un sistema di supporto per aiutarti durante, prima e dopo il divorzio. Le vittime di abusi sono al massimo pericolo dopo aver lasciato il loro aggressore. Dovresti avere un piano d'azione prima di lasciare il tuo aggressore. Trova un posto dove andare, un modo per sostenere te stesso e qualcuno da chiamare se ti senti in pericolo. Un piano, un ordine restrittivo e amici e familiari per sostenerti prima e dopo la partenza faranno molto per aiutare te ei tuoi figli a sentirvi al sicuro. 

1 0. Quanto mantenimento dei figli dovrò pagare?

Ogni stato ha le proprie linee guida per il mantenimento dei figli. I problemi considerati nel determinare il mantenimento dei figli sono i redditi di ciascun genitore, quanto tempo ogni genitore trascorre con i figli e se ci sono esigenze speciali associate all'educazione del figlio.

11. Se il mio ex non paga il mantenimento dei figli, posso rifiutare la visita?

No, il sostegno ai figli e la visita sono due questioni separate. Se neghi la visita puoi essere trattenuto in oltraggio alla corte. Se il tuo ex non paga il mantenimento dei figli, dovresti consultare un avvocato che ti consiglierà su come recuperare il mantenimento dei figli perduti e per garantire ulteriormente che il tuo coniuge effettui i pagamenti per il mantenimento dei figli in futuro.

12. Posso smettere di pagare il mantenimento dei figli se il mio ex non mi permette di vedere i miei figli?

No. Se neghi il mantenimento dei figli, puoi essere trattenuto in oltraggio alla corte. Dovresti consultare un avvocato che sarà in grado di consigliarti su quali passi devi intraprendere per assicurarti di visitare i tuoi figli e che il tuo diritto di vedere e genitore i tuoi figli non sia più ostacolato.

.