Di ‘la cosa giusta a un amico che è in lutto

Sebbene la morte faccia parte della vita di tutti, affrontare il dolore è una delle esperienze più scomode e difficili che dovrai mai affrontare. Quando sei un amico o un familiare di qualcuno che piange la perdita del suo amato coniuge, potresti trovarti insicuro su come condividere i tuoi sentimenti, timoroso di dire la cosa sbagliata e disagio su ciò che dovresti fare.

Ciò che è più necessario

Mostrarsi ed essere presenti alle vedove è ciò di cui c'è più bisogno. Anche se sai di voler dire qualcosa che ti consoli, a volte le parole non sembrano essere sufficienti quando si ha a che fare con un dolore così intenso. 

Quando cerchi di evitare cliché e luoghi comuni comuni, può essere difficile trovare le parole giuste che trasmettano ciò che vuoi dire. Le parole possono fare così tanto, ma lo è anche l'ascolto e la presenza. 

Ricorda che non puoi aggiustare il tuo amico. Oltre ad essere presente, puoi convalidare i sentimenti di qualcuno in lutto. Puoi fornire conforto. Puoi fare del tuo meglio offrendo consolazione. Ecco un aiuto per sapere cosa dire e cosa non dire quando qualcuno a cui tieni sta affrontando la perdita di una persona cara.

Parole confortanti da dire a qualcuno che sta piangendo la perdita di un coniuge

  • "Sono così dispiaciuto."
  • "Sono qui per te."
  • "Non so cosa dire."
  • "Ti amo."
  • "Mi dispiace per la tua perdita."
  • "Le mie condoglianze."
  • "Sto ascoltando."
  • "Mi dispiace molto che tu stia passando tutto questo."
  • "Sei nei miei pensieri e preghiere."
  • "Vorrei che ci fosse qualcosa che potessi dire o fare per alleviare il tuo dolore."
  • "Prima di dire qualsiasi altra cosa, voglio che tu sappia quanto mi dispiace per la tua perdita."
  • "Il mio cuore va a te durante questo periodo di dolore e di riadattamento."
  • "C'è qualcosa di cui vuoi parlare?"
  • "Ci mancherà profondamente."
  • "Non sei solo."

Oppure non dire niente e dai il conforto della tua presenza. Ho trovato consolante quando le persone hanno condiviso con me un affettuoso ricordo preferito di Bob. Questi ricordi mi hanno portato pace.

Cosa non dire a nessuno in lutto

  • "Tutto accade per una ragione."
  • "Almeno non soffre più."
  • "So come ti senti."
  • "Era il suo momento."
  • "Devi essere forte."
  • "Anche questo deve passare."
  • "Il tempo guarisce tutte le ferite."
  • "Cerca di concentrarti sulle tue benedizioni."
  • "Era la volontà di Dio."
  • "Le cose potrebbero andare peggio."
  • "Solo i migliori muoiono giovani."
  • "Faceva parte del piano di Dio".
  • "Dio aveva bisogno di lui più di te."
  • "Un giorno ti sposerai di nuovo."
  • "Incontrerai presto qualcun altro."
  • "Sei ancora giovane."
  • "È ora di andare avanti."
  • "Perché non ...?"
  • "È in un posto migliore."
  • "Quali sono i tuoi piani futuri?"
  • "Era abbastanza grande per vivere una vita piena."
  • "Come stai?"
  • "Dio aveva bisogno di un altro angelo."
  • "Troverai qualcun altro."
  • "Andrà tutto bene."
  • "Un giorno sarai di nuovo con lui."
  • "Immagino che tu fossi destinato a stare da solo."
  • "Quello che è successo?"
  • "Dio non ci dà mai più di quanto possiamo gestire".
  • "Almeno eri preparato."
  • "Devi tenerti occupato durante questo periodo difficile."
  • "Rallegrati. Tuo marito non vorrebbe che tu fossi triste."
  • "Com'è morto?"
  • "Sembra così naturale."
  • "La vita va a vanti."
  • "Almeno avete passato 40 anni insieme."
  • "Ti sentirai meglio presto."
  • "Sapevi che stava arrivando. Hai avuto tempo per prepararti alla sua morte."
  • "Non piangere."
  • "Non è ora di superarlo?"

Ancora qualche cosa da non fare

Non condividere la tua storia o una storia sulla perdita di qualcun altro o su quello che hanno fatto le altre persone quando sono rimaste vedove.

Non condividere le tue opinioni religiose. Tienili per te a meno che la persona in lutto non sollevi l'argomento. 

Non parlare delle fasi del dolore.

Non criticare.

Non dire "Chiamami se hai bisogno di qualcosa". Durante il torpore iniziale, una vedova o un vedovo di solito non sa cosa hanno bisogno o vogliono. Alcuni giorni dopo il funerale o il servizio, puoi chiedere se c'è qualcosa che puoi fare, ma sii specifico e assicurati di chiedere di nuovo ogni poche settimane. Dai suggerimenti reali e tangibili. "Posso falciare il prato?" "Va bene se ci porto un caffè a ciascuno?" "Qual è il momento migliore giovedì per portare un pasto?"

Non dare consigli o soluzioni non richieste, non importa quanto siano ben intenzionate. Non ci sono risposte facili dopo che qualcuno muore.

Ancora una volta, ricorda cosa è più importante

La tua presenza è ciò che conta. Sii presente e ascolta. Il silenzio va bene. Stabilire un contatto visivo. Mantieni la tua conversazione breve. 

Ricorda anche che quando vedi qualcuno di nuovo, non devi offrire le tue condoglianze più e più volte.