Definizione e storia delle arti marziali

Il termine arti marziali si riferisce a tutti i vari sistemi di addestramento al combattimento che sono stati organizzati o sistematizzati. In generale, questi diversi sistemi o stili sono tutti progettati per uno scopo: sconfiggere fisicamente gli avversari e difendersi dalle minacce. Infatti, la parola "marziale" deriva dal nome Marte, che era il dio romano della guerra.

Storia delle arti marziali

Antichi popoli di tutti i tipi impegnati in combattimenti, guerre e caccia. Pertanto, ogni civiltà si abbonava a una versione di arti marziali o combatteva tutta la propria. Tuttavia, la maggior parte delle persone pensa all'Asia quando sente il termine arti marziali. Insieme a questo, intorno all'anno 600 aC fiorì il commercio tra India e Cina. Si ritiene che durante questo periodo le informazioni riguardanti le arti marziali indiane siano state trasmesse ai cinesi e viceversa.

Secondo la leggenda, un monaco indiano di nome Bodhidharma ha facilitato la trasmissione di Chan (Cina) o Zen (Giappone) alla Cina quando si è trasferito nel sud della Cina. I suoi insegnamenti hanno prestato molto alle filosofie delle arti marziali come l'umiltà e la moderazione che continuano anche oggi. In effetti, alcuni hanno attribuito a Bodhidharma l'inizio delle arti marziali Shaolin, sebbene questa affermazione sia stata screditata da molti.

Tipi di arti marziali

In generale, le arti marziali possono essere suddivise in cinque categorie distinte: stili in piedi o sorprendenti, stili di presa, stili a basso impatto, stili basati sulle armi e MMA (uno stile sportivo ibrido). Insieme a questo, l'emergere delle MMA ha causato un po 'di mescolanza di stili negli ultimi anni al punto che molti dojo non sembrano più come prima. Indipendentemente da ciò, di seguito sono riportati alcuni degli stili più noti.

Stili sorprendenti o in piedi

  • Boxe
  • Karatè
  • Krav Maga
  • Kung Fu
  • Kickboxing
  • Tae Kwon Do

Stili di lotta o combattimento a terra

  • Brasiliano Jiu Jitsu
  • Sambo russo
  • Sparatoria
  • lotta

Stili di lancio o eliminazione

  • Aikido
  • Judo
  • Hapkido
  • Shuai Jiao

Stili basati sulle armi

  • Iaido
  • Kali
  • Kendo

Stili a basso impatto o meditativi

  • Baguazhang
  • Tai Chi
  • Stili basati sul Chi Gong

MMA: uno stile sportivo ibrido

  • MMA

Personaggi famosi nelle arti marziali

Ci sono molte persone che hanno contribuito in modo significativo alle arti marziali. Eccone solo alcuni esempi.

  • Itosu Anko: Anko (1831-1915) è ampiamente considerato "il nonno del karate", per il suo lavoro con la creazione di kata semplificati e forme per studenti meno avanzati. In questo modo e altro, è accreditato per aver aiutato l'arte a ottenere un'accettazione più diffusa.
  • Helio Gracie: Gracie è morto nel gennaio del 2009 all'età di 95 anni. È considerato l'inventore del Brazilian Jiu Jitsu, avendo preso gli insegnamenti del judo e li ha resi meno sulla forza e più sulla leva.
  • Royce Gracie: Il figlio di Helio, Royce Gracie, ha vinto tre dei primi quattro tornei UFC. Questo è servito per mostrare al mondo quanto fosse efficace l'arte che suo padre aveva inventato, il Brazilian Jiu Jitsu. Lo ha fatto, a proposito, mentre pesava solo circa 170-180 libbre nei tornei in cui non c'erano limiti di peso. La sua performance in questi primi tornei UFC ha cambiato per sempre le arti marziali.
  • Dr. Jigoro Kano: Durante un periodo in cui tutte le attività individualizzate in Giappone erano in declino (jujutsu giapponese incluso), Kano ha inventato il Kodokan Judo con l'idea che un giorno sarebbe stato abbastanza mainstream da diventare uno sport e quindi meno individualizzato. Così, ha eliminato molte delle tecniche che considerava pericolose nel jujutsu e alla fine il suo sogno si è avverato. Nel 1910, il judo divenne uno sport riconosciuto.
  • Bruce Lee: Bruce Lee è stato importante per qualcosa di più della sua capacità di recitare in film popolari e serie televisive, The Green Hornet. Era anche un innovatore nelle arti, rendendosi conto che le cose che non funzionavano dovevano essere scartate per tecniche efficaci. È stato il fondatore dell'arte Jeet Kune Do, uno stile progettato per vivere al di fuori dei confini di altri stili tradizionali di arti marziali. Il 20 luglio 1973, Lee morì a Hong Kong all'età di 32 anni. La causa ufficiale della sua morte fu un edema cerebrale, causato da una reazione a un antidolorifico prescritto.