Definizione del glossario d’arte: significato di pittorico

Il termine pittorico è usato per descrivere un dipinto fatto in uno stile che celebra il mezzo in cui è stato creato, che si tratti di pittura ad olio, acrilici, pastelli, guazzo, acquarello, ecc., Piuttosto che uno stile che cerca di nascondere l'atto di creazione o il mezzo utilizzato. È un approccio sciolto ed espressivo al processo di pittura in cui sono visibili le pennellate (o anche le pennellate, se la vernice è stata applicata con una spatola). Contrasta con uno stile di pittura controllato e cerca di nascondere le pennellate. Il glossario della Tate Gallery afferma che il termine pittorico "implica che l'artista si diverta nella manipolazione della pittura ad olio stessa e che utilizzi appieno le sue proprietà sensuali".

Nei secoli passati (e in vari movimenti artistici moderni, come il fotorealismo), i pittori hanno lavorato duramente per eliminare o nascondere eventuali segni di pennello o texture evidenti in un dipinto, mescolando e levigando i colori per nascondere tutte le prove su come l'opera è stata creata.

Impasto non richiesto

Fare un'opera d'arte pittorica non significa che il pezzo debba essere impasto - un dipinto in cui la vernice è applicata in modo spesso, a volte anche abbastanza spesso da far sembrare il pezzo 3-D - sebbene un dipinto in impasto sia, in realtà, pittorico. La vernice può essere sottile e ancora essere applicata in modo pittorico. Si potrebbe anche dire che la superficie di una scultura è pittorica se i segni scolpiti o modellati assomigliano a pennellate o sono visibili.

Pittorico contro lineare

Lo stile pittorico è spesso in contrasto con la pittura lineare. La pittura lineare, come suggerisce il nome, si basa su contorni e confini, proprio come il disegno dei cartoni animati, sebbene non necessariamente così esplicito, con oggetti e figure isolati. Le forme vengono prima disegnate e poi dipinte con cura e delineate con bordi netti o ulteriormente enfatizzate con la linea. Le forme sono nettamente definite e le gradazioni di valore sono rese in modo sottile. "La nascita di Venere" di Sandro Botticelli (1484-86 circa) è un esempio di pittura lineare. Il soggetto del dipinto raffigura il movimento, ma l'applicazione della vernice stessa no.  

Al contrario, uno stile pittorico mostra chiaramente le sue pennellate e la pittura applicata e l'energia del gesto che è andato a fare i segni sulla superficie dell'opera. Lo stile è dinamico ed espressivo e mostra la consistenza. Ci sono bordi morbidi e bordi duri e movimento, con una forma di colore che si fonde con l'altra. "Rain, Steam, and Speed" di JMW Turner (1844) è un esempio di stile pittorico. La tecnica di Peter Paul Rubens, il grande artista barocco del Belgio, è spesso descritta come pittorica. 

Un dipinto può avere caratteristiche di stili sia lineari che pittorici, ma l'effetto complessivo sarà dell'uno o dell'altro.

Altri esempi di opere d'arte

I dettagli in primo piano nei dipinti espressionisti di Van Gogh e altri sono esempi di uno stile pittorico. Il termine potrebbe essere applicato a molti altri artisti, tra cui Rembrandt van Rijn, John Singer Sargent, Lucian Freud, Pierre Bonnard e gli espressionisti astratti dell'era del secondo dopoguerra.