Canzone popolare irlandese: “il sorgere della luna”

"The Rising of the Moon" è una tradizionale canzone popolare irlandese che è stata scritta a metà degli anni 1860 e racconta una storia sulla ribellione del 1798. Le parole sono state scritte da John Keegan Casey, un poeta che era un attivista del movimento feniano, che ha cercato di liberare l'Irlanda in una rivolta fallita nel marzo del 1867. Si ritiene che abbia scritto i testi per aiutare a ispirare fervore nella rivolta del 1867, simile a quella della ribellione del 1798, ma in effetti anche quest'ultima fu schiacciata.

"The Rising of the Moon" è cantato sulle note di "The Wearing of the Green". Un punto di traduzione: "mo bhuachaill", sentito nel primo verso, significa "ragazzo mio" nella lingua irlandese.

Lyrics

"Oh, allora, dimmi Sean O'Farrell, dimmi perché ti sbrighi così tanto?"
"Zitto, mo bhuachaill, zitto e ascolta", e le sue guance erano tutte accese
"Sopporto gli ordini del capitano, ti prepari presto e presto
Perché le picche devono essere insieme al sorgere della luna.
"Sopporto gli ordini del capitano, ti prepari presto e presto
Perché le picche devono essere insieme al sorgere della luna.
"Allora, dimmi Sean O'Farrell, dove deve essere il raduno?"
"Nel vecchio posto vicino al fiume, ben noto a te e me
Ancora una parola per il segnale, fischia la melodia della marcia
Con la tua picca sulla spalla, al sorgere della luna. "
Ancora una parola per il segnale, fischia la melodia della marcia
Con la tua picca sulla spalla, al sorgere della luna. "
Da molte cabine di fango nel muro, gli occhi stavano guardando quella notte
Molti cuori virili palpitavano per la beata luce d'avvertimento
Mormorii passavano lungo le valli come il canto solitario della Banshee
E mille lame stavano lampeggiando al sorgere della luna.
Mormorii passavano lungo le valli come il canto solitario della Banshee
E mille lame stavano lampeggiando al sorgere della luna.
Là, accanto al fiume che cantava, si vide quella massa oscura di uomini
Molto al di sopra delle armi scintillanti pendeva il loro amato verde
"Morte a ogni nemico e traditore! Avanti! Suona la melodia della marcia!
E evviva, ragazzi miei, per la libertà! È il sorgere della luna.
"Morte a ogni nemico e traditore! Avanti! Suona la melodia della marcia!
E evviva, ragazzi miei, per la libertà! È il sorgere della luna.
Ebbene, hanno combattuto per la povera vecchia Irlanda, e il loro destino era completamente amaro
Oh, quale glorioso orgoglio e quale dolore riempie il nome di Novantotto!
Eppure, grazie a Dio, anche i cuori battono ancora nel mezzogiorno ardente della virilità
Chi avrebbe seguito le loro orme al sorgere della luna.
Eppure, grazie a Dio, anche i cuori battono ancora nel mezzogiorno ardente della virilità
Chi avrebbe seguito le loro orme al sorgere della luna.

Versioni registrate consigliate

  • The Clancy Brothers e Tommy Makem: "The Rising of the Moon" (Una versione irlandese piuttosto tradizionale cantata insieme della ballata, e probabilmente la versione registrata più nota)
  • Peter, Paul, and Mary: The Rising of the Moon "(Classic Peter, Paul, and Mary; un po 'più squadrato di una versione irlandese, ma pulito e adorabile in sé e per sé)
  • The Dubliners: "The Rising of the Moon" (Un'altra versione tradizionale irlandese, con l'approccio rozzo e pronto dei dublinesi)